Comunicati
16 Aprile 2011

Un ringraziamento alla citta'

Il 5 e 6 aprile di quest’anno hanno rappresentato per noi della Fondazione 6 Aprile per la Vita due giorni densi di significato. La Fiaccolata della Memoria culminata alle 3.32 con i 309 rintocchi di campana e la lettura dei nomi di chi non c’è più ha rappresentato un momento di altissima condivisione del  nostro dolore scandito da un silenzio assordante e da un rispetto della gente stretta intorno ai familiari delle vittime, come in poche altre occasioni. E’ stata importante la presenza dei politici come cittadini comuni,  mischiati tra la folla, a condividere un dolore infinito, come da noi auspicato. Un ringraziamento particolare al Prefetto Gabrielli ed al Senatore Lusi, presenti in forma privata, per l’amicizia reciproca e la condivisione del nostro dolore. Un grazie sentito all’Arcivescovo e al Clero per la celebrazione della Santa Messa in memoria di tutte le vittime del terremoto e in particolare per l’omelia. La presenza del Presidente della Repubblica ha rappresentato un segnale forte e di unità di intenti  per noi familiari, per la città e anche per l’Italia, segnale che non va perso, ma da cui partire per ricostruire la nostra città con fondamenta antisismiche. Al convegno del pomeriggio svoltosi al Ridotto del Teatro Comunale dal titolo ”La Cultura della Prevenzione” c’è stata un’ampia ed attenta partecipazione della città e gli argomenti trattati sono stati affrontati da ottimi relatori. Prendiamo atto e li ringraziamo per la partecipazione attenta e silenziosa, tra la gente, del Sindaco, del Prefetto e dell’Arcivescovo. Il Sindaco dell’Aquila, da noi stimolato, ha promesso di dotare la nostra città di un vero piano di protezione civile comunale entro un mese e si è impegnato a far sì che siano eliminati dalle ordinanze i tetti percentuali di adeguamento alla normativa antisismica per tutti gli edifici. Durante il convegno abbiamo avuto modo di capire il nuovo corso della Protezione Civile Nazionale improntato sulla prevenzione e sulla sicurezza. Un grazie ai giornalisti che hanno seguito questi due giorni di ricordo propositivo con un’opportuna discrezione. Un grazie anche alle scuole aquilane che hanno voluto ricordare i nostri angeli, ognuna con proprie manifestazioni e soprattutto le scuole superiori che hanno accolto il nostro invito a ricordare convocando assemblee di classe e di istituto. La nostra speranza è che dal prossimo anno possa essere istituito un vero lutto cittadino. Infine un grazie di cuore ai ragazzi, agli insegnanti, al direttore d’orchestra e al soprano del Conservatorio dell’Aquila per il bellissimo,semplice ed elegante  concerto di chiusura della Giornata della Memoria, che ci ha emozionato dimostrandoci  un’elevata dote musicale. Questi musicisti rappresentano il futuro culturale di questa città. Un grazie particolare al Direttore del Conservatorio per aver sostenutola nostra iniziativa e al quale chiediamo fin da ora di lavorare con i suoi ragazzi per il concerto della  prossima Giornata della Memoria.

Fondazione 6 Aprile per la Vita- Onlus

Il Presidente
Vincenzo Vittorini


TORNA INDIETRO
Aderisci
Seguici su FACEBOOK